IL PESCE SPADA ALLA MODA DI HAITI

I pesci con carni sode come il tonno, il pesce spada e la palamita si prestano a una cottura lenta, che permette di estrarne il sapore. Questi pesci, tagliati in tranci, sono usati con successo dagli abitanti di Haiti, che nel tempo hanno fatto partecipi anche i turisti, entusiasti dei risultati. Come si fa a raggiungere questo scopo in modo che il pesce risulti ben mostoso, senza diventare coriaceo? Nel caso del pesce spada, che tende ad asciugarsi dm-ante la cottura, si pub ricorrere a piccole incisioni nella polpa, nelle quali si infilano dei pezzettini di acciuga ad intervalli di 2,5 cm l’uno d'all’altro. Si adagia il pesce in un tegame da forno foderato di lattuga, sulla quale si fa un letto di acetosella, fettine di lime, rondelle di pomodoro e anelli di cipolla. Si condisce il pesce di sale e pepe, si profuma con erbe aromatiche e si ricopre con acetosella tagliata a “julienne”, pomodori, cipolle, lime. Si chiude tutto con foglie di lattuga. Si bagna con un bicchiere di vino bianco secco, si ricopre con un foglio d'alluminio e si passa il recipiente in forno a 170° C per un'ora. In questo modo, mentre la parte superiore di foglie bruciacchiate andrà eliminata, il pesce e le verdurine sottostanti si manterranno morbidi.